• cloud
  • gestione sistemistica
  • migrazione posta elettronica

Migrazione posta elettronica a Microsoft 365

Come migrare a Microsoft 365 senza perdere dati e senza avere discontinuità operativa. 

Migrazione Posta Elettronica

Problema

Il cliente gestisce circa 90 cassette postali e 10 domini di posta su un Server Exchange on-premise installato in una infrastruttura virtuale VMware e lamenta continui disservizi dovuti sia ad interruzioni del servizio Exchange sia ad una massiccia ricezione di mail spam.

Il cliente, consapevole dei numerosi benefici dati da un servizio professionale in cloud come Microsoft 365, vuole mantenere in ogni caso una parte dei suoi indirizzi mail considerati “meno importanti” in configurazione standard così da abbattere i costi di canone il più possibile.

Soluzione

Configurazione di un unico ambiente Tenant Microsoft 365 sul quale configurare tutti i 10 domini del cliente ed impostazione del sistema in modo da poter gestire contemporaneamente cassette postali sia Microsoft 365 sia standard POP3 / IMAP.

Migrazione della posta utenti senza interruzione del servizio di flusso mail, rendendo trasparente l’attività tecnica all’operatività del cliente

Approfondimento

Dall’analisi del sistema in essere presso il cliente si evidenzia che:

  • il server on-premise del cliente presenta diverse problematiche e compromissioni legate agli attacchi che hanno afflitto molti server Microsoft Exchange tra Marzo ed Agosto del 2021 (tra cui ProxyLogon e ProxyShell)
  • le dimensioni del database di posta sono tali da richiedere un incremento delle risorse di sistema e diversi interventi di manutenzione ed aggiornamento
  • l’esigenza di implementare un servizio antispam più robusto e funzionale rispetto a quello attualmente utilizzato è di fondamentale importanza ai fini della sicurezza

pertanto, si propone di migrare tutto il servizio email in cloud utilizzando principalmente il servizio di Microsoft 365.

Il cliente pur conoscendo il servizio Microsoft 365 era titubante nella sua implementazione a causa di alcune errate informazioni di cui era entrato in possesso e per le quali non credeva fosse possibile migrare solo una parte degli indirizzi mail, riducendo così il costo di canone del servizio al minimo indispensabile.

Inoltre era terrorizzato dalla possibile perdita di mail archiviate e in arrivo durante la migrazione al nuovo sistema.

Mediante l’implementazione del servizio Microsoft 365 ed una specifica configurazione di modalità non autoritativa, che permette di operare anche con servizi mail esterni, una parte degli account “meno importanti” è stata appoggiata sul sistema mail di OVH che ha garantito un considerevole risparmio economico relegando queste cassette postali meno utilizzate ad un servizio di più basso livello e quindi meno costoso

Data l’elevata mole di dati mail del cliente, circa 1,5TB complessivi, e le numerose cassette postali, l’attività di migrazione ha impiegato circa 1 mese, soprattutto a causa degli inevitabili tempi di trasferimento dati; durante l’intero processo si è comunque garantito il completo servizio e nessuna perdita di dati.

Product recap


  • VMware
  • Microsoft Windows Server 
  • Microsoft Exchange Server
  • Microsoft 365
  • Microsoft Azure
  • OVH Mail